L.A. Noire: Un’altra storia

di • 13 giugno 2011 • RecensioneCommenti (13)2646

Il menù è semplice, in bianco e nero, ma che atmosfera riesce a creare quell’uomo in lontananza che si avvicina, barcollando. Vaga senza meta. La sua sagoma, scura come la notte, è delineata dai fari accecanti di una macchina ferma dietro di lui. È proprio l’atmosfera adatta per un viaggio indietro nel tempo, da Jessica Alba a Marilyn Monroe, dai videogiochi al cinema noir. In fin dei conti, dalla Los Angeles del 2011 a quella post-bellica del 1947, il passo è breve. Aggiungi il suffisso “Land” alla scritta “Hollywood” – proprio quella, tra quelle montagne – e il gioco è fatto. Sì, certo, fosse stato così semplice, L.A. Noire sarebbe uscito qualche anno fa. E invece ci sono voluti sei anni, e 32 videocamere (tante quante sono quelle necessarie per la neonata tecnologia MotionScan), perché l’ultima creazione firmata Rockstar e Team Bondi prendesse vita.

L’anno scorso ci eravamo ritrovati protagonisti di un western con Red Dead Redemption. Quest’anno, invece, tocca al noir. Fateci caso: sembra quasi che Sam Houser voglia passare in rassegna, uno dopo l’altro, i generi cinematografici più famosi; quelli storici, per così dire. E chissà a quale toccherà, la prossima volta. La cosa ovviamente mi piace, e non poco, soprattutto perché il mezzo utilizzato è il videogioco. In L.A. Noire, antico e moderno si incontrano e il contrasto è subito evidente, come quello tra il bianco e il nero: l’alta definizione di Xbox 360 e PlayStation 3 si contrappone a una scelta cromatica volutamente retrò. Niente paura, niente paura… il gioco è a colori, soltanto un po’ più saturi di quanto ci si aspetterebbe per un’ambientazione realistica come quella rappresentata. La chicca? Se volete, c’è un’apposita modalità con la quale trasformare il gioco in una vera e propria pellicola d’annata. Black and white, baby.

Così come il moderno e l’antico, e forse sulla scia di questo stesso “incontro”, in L.A. Noire entrano in contatto anche tecnologia all’avanguardia, recitazione e, chiaramente, narrazione. Insomma, qui si fa sul serio. Il già citato MotionScan rende le espressioni dei personaggi del tutto simili a quelle che potreste vedere in un film con persone in carne e ossa, semplicemente perché in fondo, quelli sullo schermo, sono degli attori veri (molti, incluso il protagonista, direttamente dal cast dell’apprezzata serie televisiva Mad Men). Inutile girarci intorno: la vera rivoluzione è tutta qui. La narrazione entra in gioco di conseguenza. E anche qui non si scherza: Los Angeles e i suoi omicidi a suon di jazz, droga e belle donne (risolverete addirittura il famoso caso della Dalia Nera, rimasto irrisolto nel mondo reale) sono usati come sfondo per un tema – tanto scomodo quanto affascinante – come quello degli strascichi psicologici della Seconda Guerra Mondiale sui soldati rientrati in patria. Tematiche adulte, coraggiose. Che qui sono narrate come raramente, molto raramente, si è riuscito a fare in un videogioco: i flashback sul protagonista danno vita a un piano narrativo parallelo che si intreccia a quello principale e con cui finirà per collidere. Gli “episodi”, i casi che dovrete risolvere, creano ogni volta la giusta tensione; la curiosità, mai così indispensabile, per andare avanti.

Ma sappiatelo: L.A. Noire non è GTA. L’impostazione seriosa del gioco, meno sbarazzina e più “inquadrata”, riflette appieno le tematiche trattate dalla sua trama. Tanto che, una volta scesi in strada, non potrete fare quel che volete. No. In questa particolare alternanza tra guardie e ladri inscenata da Rockstar, stavolta siamo dalla parte degli sbirri. Niente pedoni sotto le ruote, né sparatorie gratuite: la pisolta? Solo quando serve. Siamo nel LAPD e vestiamo i panni di Cole Phelps. È un reduce di guerra, aveva militato nel corpo dei Marines durante la sanguinosa battaglia di Okinawa, in Giappone. Praticamente un eroe, o almeno così dicono. Da semplice agente di pattuglia, Phelps si farà strada fino a raggiungere la vetta, diventando detective prima nella squadra omicidi, poi nella narcotici, passando per il traffico e gli incendi dolosi. Insomma, le scene del crimine, quale che sia la loro natura, saranno il vostro pane quotidiano: taccuino alla mano, prenderete appunti sugli indizi raccolti e alla fine proverete a mettere insieme i pezzi del puzzle, interrogatorio dopo interrogatorio, inseguimento dopo inseguimento, sparatoria dopo sparatoria. Il taglio cinematografico si vede anche nelle fasi d’azione, ricordano davvero quelle dei film di qualche anno fa. Gli inseguimenti a piedi sono “guidati”, quella di controllare il personaggio è un’illusione, salti gli ostacoli e quasi non te ne rendi conto: sono le animazioni a fare il lavoro sporco. Belle, per fortuna. Fluide. L’illusione funziona.

Ma sono le indagini il cuore del gameplay. Il sistema studiato da Team Bondi è semplice ed efficace: siete liberi di farlo, ma, ve lo assicuro, non andrete via finché non sentirete il “suono magico” che comunica l’assenza di altri indizi sulla scena. Riuscirete a trovarli tutti molto facilmente, però, se deciderete di lasciare attivo il segnale che farà tremare il pad non appena vi avvicinerete a uno di essi. A voi la scelta. Cadaveri, anelli, mozziconi di sigarette. Tutto può essere utile. O forse no. Ed è qui che gli interrogatori acquisiscono importanza, il peso che farà pendere la narrazione in un verso o nell’altro. Valuti una risposta in modo sbagliato (tre le possibilità: Verità, Dubbio, Menzogna) e le vicende rischiano di prendere una piega inattesa. La confessione è l’obiettivo da perseguire, ma non è così facile da raggiungere. L’errore è dietro l’angolo e incriminare qualcuno sulla base di prove scricchiolanti potrebbe avere ripercussioni sulla tua reputazione.

Più che un viaggio nella Los Angeles del ’47, ricostruita nei dettagli ma non troppo (il centro è quello che gode di maggiore cura, ci sono anche gli edifici più famosi), L.A. Noire è un’indagine continua, non solo nelle crime-scenes, ma anche nella psicologia dei personaggi, di Cole Phelps in particolare. Personaggio a tutto tondo, ambizioso, di sani principi, misterioso: gli scheletri nell’armadio, tipici dei protagonisti del noir, ci sono tutti e non tarderanno a rivelarsi. Ecco la forza di Rockstar Games, ecco la forza della sua ultima creazione: la capacità di andare oltre la superficie, di spingersi là dove nessuno osa. Di fare del videogioco un medium maturo.

Poco importa se la libertà non è quella di un Grand Theft Auto. Se l’orizzonte visivo non è vasto come quello di Red Dead Redemption. O se durante gli inseguimenti più sfrenati si assiste a qualche scatto di troppo. Se voglio spezzare la monotonia ho le missioni secondarie; oppure, così come chiuderei un libro che, seppur appassionante, mi ha temporaneamente stancato, metto il segnalibro digitale e spengo la console.

Vedete, alcuni giochi non hanno ambizioni artistiche. Giochi, stai lì delle ore, ti diverti, ma è davvero arte? In quei casi, se sono arte o meno è una questione soggettiva, spesso lo diventano solo a contatto con l’utente, e solo per lui, nel cerchio della sua esperienza. L.A. Noire, cari lettori, è un’altra storia. Racconta tematiche importanti, e lo fa con classe; mette in scena attori di prim’ordine e tu li vedi lì, che recitano… recitano, per davvero; suona poche note in sottofondo e tanto basta per creare la giusta atmosfera. Racconta, recita, suona. Un videogioco che fa tutto questo nasce come arte. È arte. Ce l’ha scritto nel DNA. E te ne accorgi subito: osservi la schermata iniziale e il tuo sguardo si perde, mentre ti rendi conto che quella, a Los Angeles, sarà l’ennesima notte noir.

Potrebbe interessarti anche...

  • http://www.kwonloospice38.com not fake

    The participation rate is well below the 66% to 67% rate which was normal in the
    last twenty years, although a few of the recent decline
    is as a result of demographics not fake you can always seek established period of
    time of financial advisers if you will find
    the procedure for buying lending products confusing.

  • http://revealedskincare.com/ exposed skin care

    Once the hormones settle down, the acne after menopause stage is likely to get controlled.
    If you are interested in other remedies for acne or if you want to gain new knowledge about acne for
    example if you want to know how to get rid of scars or how
    to prevent acne from occurring, read our other articles. For men, shaving could be a problem because one can further harm the skin: a bit more attention and the right choice of the razor should eliminate
    or at least minimize the risks.

  • http://www.whyexposed.com/ Sharyn

    The article went on to state that while boys and girls arrive at puberty at separate times in their existences, girls are usually the first to experience
    it. Just as their other acne treatment products, this Skin – B5 cleanser is
    a scientifically formulated combination of soothing herbs and vitamins,
    such as Green Tea, Vitamin B5, and Aloe Vera – just to name a few of their amazing
    key ingredients. In this modern, consumer driven world, we have been trained
    to believe that we can have what we want, and we can have it now, but the
    old axioms still hold true.

  • http://watchonlinetomorrow.com/sherlock-holmes-2010-series-episode-list/ Louboutin Pump

    Ιnteressante Seite. Ɗas Design uund ddie nuetzlichen Informationen gefаllеn mir
    bеsonders.

    my web page … Louboutin Pump

  • http://www.i-bow.com/xoops/userinfo.php?uid=291403 http://www.dietrendahkalori.com

    Thanks for finally writing about > L.A. Noire: Un’altra storia – XboxWay.com < Liked it!

  • http://vinniebarrett.com/guestbook/index.php content quilting

    Hallo, ӏch finde den Aufbau der Webseite klasse. Macht bitte աeiter so.

    Have a loօk ɑat my weblog content quilting

  • http://www.lfcoffer.com/blog/?p=1197 christian music

    Wollte Еuch einfach mal in diesem Buch einen Gruss
    hinterlаssen. :)

    my web site: christian music

  • http://micoideas.com/?p=7 m88

    For hottest news you have to go to see internet and on internet I found this
    site as a finest site for latest updates.

    Feel free to visit my web blog … m88

  • http://rdlnk.co/L6U7G bodog

    I don’t even kniw howw I ended up here, bbut I thought this post was good.
    I do not know whoo you are but definitely you are going to a famous blogger if you aren’t already
    ;) Cheers!

    Here iis my web-site: bodog

  • http://nasefoto.com/gb/ m88

    This design is incredible! You obviously know how to keep a
    reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well,
    almost…HaHa!) Fantastic job. I really enjoyed what you had to say,
    and more than that, how you presented it. Too cool!

    Feel free to visit my homepage – m88

  • https://www.pinterest.com/pin/151503974939264094/ Ivory

    Does your site have a contact page? I’m having
    problems locating it but, I’d like to shoot you an e-mail.
    I’ve got some ideas for your blog you might be interested in hearing.
    Either way, great site and I look forward to seeing it grow
    over time.

    Also visit my site – data entry made easy (Ivory)

  • http://www.showupcars.de/forum/profile.php?mode=viewprofile&u=290239 dafabet casino

    I know this website offers quality depending posts and additional material,
    is there any other website which offers such data in quality?

    My page – dafabet casino

  • http://koshermichigan.com/spice-thyme-international-gains-kosher-certification-top-ten-wholesale-november-20-2013/ m88bc

    With havin so much content and aticles do you ever run into any problems
    of plagorism or copyright infringement? My website has
    a lot of completely unique content I’ve either created myself oor
    outsourced but it appeares a lot of it is
    popping it up aall over the web without my authorization. Do you know any techniques to hdlp protect
    against content freom being ripped off? I’d truly appreciate it.

    Also visit myy blog post; m88bc