skydive-proximity-flight-04

IndieWay #3: Skydive: Proximity Flight

di • 15 novembre 2013 • RecensioneCommenti (0)3650

Gli sport estremi hanno trovato il loro spazio anche in campo videoludico, grazie a degne simulazioni che sono riuscite a soddisfare gli appassionati di queste discipline. Ne è un esempio la serie Skate di EA, che da anni intrattiene i fan dello skateboard anche su console. Stavolta però trattiamo di una disciplina che se definita “estrema” potrebbe sembrare un eufemismo, il wisbase, e lo faremo parlandovi di Skydive: Proximity Flight.

Per chi non lo conoscesse, si tratta di uno sport di recente ideazione che combina il paracadutismo alla caduta libera, chi lo pratica indossa una particolare tuta “alare” che gli permette di planare mantenendo un’elevata velocità in aria. Questa tuta dona effettivamente all’uomo la capacità di volare, ma gli regala anche un biglietto di sola andata verso la sua fine. Uno sport molto pericoloso dunque, soprattutto se viene praticato il cosiddetto “proximity flight”, che come il nome lascia intendere si tratta di un volo effettuato in prossimità di ostacoli naturali come i costoni delle montagne, colline, alberi e chi più ne ha più ne metta.

I ragazzi di Gaijin Entertainment hanno avuto abbastanza coraggio da produrre la prima simulazione dedicata allo wisbase, è così che nasce Skydive: Proximity Flight. Questo indie vi elettrizzerà con un gameplay ad alto tasso adrenalinico, con il nostro base jumper che sfreccerà a velocità impressionanti, eseguendo trick aerei e sfiorando le vette delle montagne che sorvoleremo.

Abbiamo provato Skydive su PS3 (sacrilegio, lo sappiamo), ma il gioco sbarcherà anche su Xbox 360, integrando il supporto a Kinect. Impugnando il controller facciamo conoscenza con un sistema di controllo ridotto all’osso, in cui dovremo utilizzare i due stick analogici per veicolare il base jumper, mentre il resto è limitato alla pressione del tasto X (A su X360) per l’esecuzione delle acrobazie aeree e Quadrato (B) per l’apertura del paracadute. La giocabilità di Skydive risulta in tal modo semplice ed intuitiva, tuttavia pecca di una certa profondità che avrebbe di certo giovato al gameplay, rischiando di sfociare presto nella ripetitività dopo aver completato la prima metà dei 43 livelli disponibili.

Wisbase

Il segreto per diventare maestri di Skydive risiede nella vostra abilità nel planare. Occhio a non schiantarvi, però.

Questa cinquantina di missioni si suddividono in modalità che richiederanno il completamento di diversi obiettivi. C’è ad esempio Rotta, in cui dovremo guidare il base jumper attraverso dei checkpoint sospesi in aria, o Trick, che richiederà il raggiungimento di un certo punteggio accumulabile eseguendo le acrobazie e che potrà essere eventualmente moltiplicato volando vicino alle montagne o al terreno. Stufi di fare punti? Sappiate che ci sono anche alcune sfide in cui gareggeremo contro altri atleti, comandati da un’IA molto agguerrita.

Non manca una modalità chiamata Stile libero in cui potremo sfrecciare liberi per gli spettacolari paesaggi inclusi nel gioco. Questi ultimi lasciano il giocatore senza fiato, grazie soprattutto all’incredibile orizzonte visivo realizzato egregiamente dai ragazzi di Gaijin. Tra i paesaggi inclusi in Skydive troviamo anche le Alpi italiane, ma le location includono anche canyon e baie, tutte ambientazioni bellissime che ci accompagneranno mentre indosseremo la tuta alare.

Se non abbiamo avuto la fortuna di sperimentare le features che il gioco integrerà con il supporto a Kinect, giocandolo su PS3 abbiamo invece scoperto l’esistenza di due sistemi di controllo alternativi: uno che sfrutta gli accelerometri del SixAxis e un altro per PS Move. Sebbene l’utilizzo degli analogici sia la scelta più conveniente per comodità e semplicità d’uso, i comandi alternativi sono una piacevole aggiunta all’offerta del pacchetto.

Ma non finisce qui, perchè i giocatori PC avranno un’altra big feature che li attende su Skydive: il supporto a Oculus Rift. Impostando la telecamera di gioco dalla terza alla prima persona, Proximity Flight si rivelerà uno dei giochi più spettacolari da provare con l’Oculus, grazie alle sue sorprendenti visuali e alla sensazione di sfrecciare nell’aria a velocità impressionanti.

Voi in caduta libera in un canyon. Si potrebbe quasi definire una giornata noiosa.

Voi, in caduta libera, in un canyon. Si potrebbe quasi definire una giornata noiosa.

Per gli appassionati degli sport estremi, e in particolare di questa giovane e intrigante disciplina chiamata wisbase, Skydive: Proximity Flight sarà un divertentissimo passatempo, ma anche un’occasione per scoprire i segreti di questo sport e magari evitare di rompersi qualche osso prima di indossare una vera tuta alare. In sostanza la simulazione di Gaijin Entertainment offre un gameplay senza troppi fronzoli e adatto a chiunque, ma non avrebbe di certo dispiaciuto un po’ di varietà in più, soprattutto con delle modalità di gioco che alla lunga rischiano di annoiare il giocatore.

Tecnicamente il titolo non stupisce più di tanto e non ci sono sfuggite texture poco curate o animazioni talvolta legnose. Di certo chi avrà la sfacciata fortuna di provare il gioco su PC con un Oculus Rift potrà divertirsi alla grande grazie all’esplosiva dose di adrenalina che Skydive è capace di regalare. Il gioco è già disponibile al download sul PlayStation Network al costo di 19.99 €, un prezzo non proprio invitante vista l’offerta del pacchetto, e debutterà presto su Xbox Live e PC.


Skydive: Proximity Flight è disponibile dal 2 ottobre per PlayStation 3, le versioni per Xbox 360 e PC arriveranno entro la fine dell’anno.

Potrebbe interessarti anche...